Coronavirus: sistema immunitario e importanza della vitamina D

Pubblicato il


Coronavirus: sistema immunitario e importanza della vitamina D

Assumere Vitamina D per proteggere il sistema immunitario dal Coronavirus - The British Medical Journal. A cura di Simona Vignali Naturopata Life-style Coach

Secondo un recente studio pubblicato da The BMJ, la Vitamina D ha un ruolo cruciale per il sistema immunitario. Tanto che se non la si assume con la dieta, è importante integrarla. Ecco il ruolo nel difenderci dal Coronavirus. Segui gli articoli e video di Simona Vignali, con studi scientifici che li dimostrano, da 30 anni Life-style Coach, Naturopata esperta di alimentazione.

Coronavirus e anche vitamina D: La carenza può aumentare i pericoli?

Secondo uno studio di ricerca del Collegio di Torino, la mancanza di vitamina D potrebbe essere un indice di pericolo per coloro che contraggono il coronavirus: l'Italia è uno dei paesi europei con la maggiore presenza di ipovitaminosi D.
Perché il nuovo coronavirus attaccato ha colpito notevolmente la nostra nazione, rispetto ai "vicini" europei? Alla ricerca di possibili motivi e dettagli di minaccia, Giancarlo Isaia, insegnante di Geriatria e presidente dell'Accademia di Medicina di Torino ed Enzo Medico, Professore di Istologia all'Università di Torino, hanno approfondito il ruolo che la mancanza di vitamina D , anche seguendo le raccomandazioni molto recenti della British Dietetic Association.

Coronavirus e vitamina D: la carenza può aumentare i pericoli?

Gli autori concludono suggerendo ai medici, "in associazione con le ben note azioni di prevenzione di base, di raggiungere determinati livelli di vitamina D nella popolazione, ma soprattutto in quelli attualmente infetti, nei loro parenti, nel personale sanitario, in tutte le persone anziane fragili, negli ospiti delle case di cura, nelle persone sotto un chiostro e in tutti coloro che per diversi fattori non si rivelano sufficientemente al sole ".

Inoltre, a causa del fatto che "i dati preliminari accumulati al giorno d'oggi a Torino - osserva una nota del Collegio - indicano che i pazienti ricoverati in ospedale per Covid-19 hanno una prevalenza molto elevata di ipovitaminosi D".

Inoltre, "può essere presa in considerazione anche la somministrazione della forma attiva di vitamina D, calcitriolo, per via endovenosa nelle persone con Covid-19 e con funzionalità respiratoria specificamente compromessa". Questi segni derivano da varie evidenze scientifiche che hanno effettivamente dimostrato: un "dovere energetico della vitamina D sulla modulazione del sistema immunitario del corpo; la costante organizzazione dell'ipovitaminosi D con molte malattie persistenti che possono ridurre l'aspettativa di vita nelle persone anziane, specialmente nel caso di infezione da Covid-19. Ma allo stesso modo un risultato della vitamina D nel ridurre il rischio di infezioni respiratorie dell'inizio virale, costituite da quelle del coronavirus. E anche la capacità della vitamina D di contrastare il danno polmonare da iperinfiammazione ", descrivono gli autori.

Vuoi mangiare sano e non avere carenze seguendo i consigli della Naturopatia? Prenota una consulenza con Naturopata online ►

Quindi che si fa? "La compensazione per questa prevalente carenza di vitamine può essere raggiunta per iniziare sottoponendosi al sole per quanto possibile, in tempo di quarantena e di coronavirus anche sui portici e sui balconi, nutrendosi di cibi abbondanti di vitamina D e anche, sotto la guida medica, prendendo i dettagli delle preparazioni farmaceutiche".
L'Italia, citano gli specialisti, è tra i paesi europei (insieme alla Spagna e anche alla Grecia) con la più alta frequenza di ipovitaminosi D.
Stranamente nel Nord Europa la presenza è più bassa a causa della vecchia abitudine di includere generalmente gli alimenti (latte, formaggio, yogurt, ecc.) con vitamina D. Inoltre "la ridotta incidenza di Covid-19 nei bambini potrebbe essere attribuita alla minore presenza di ipovitaminosi D in conformità con i progetti di evitamento del rachitismo attivati ​​in tutto il mondo a partire dalla fine del XIX secolo".

"l'insorgenza di un focolaio in Piemonte in un convento di monache di clausura, una popolazione a maggior rischio di ipovitaminosi D, costituisce un altro elemento suggestivo sul possibile ruolo protettivo della vitamina D sulle infezioni virali". Mentre la distribuzione geografica della pandemia "sembra poter essere determinata in più nei paesi situati al di sopra del tropico del cancro, con i membri della famiglia che proteggono quelli subtropicali".

Alimenti ricchi di vitamina D.

Di seguito, in primo luogo, un elenco di alimenti  che contengono questa inestimabile vitamina, quindi una tabella più ampia con tutti quegli ingredienti che in queste settimane di quarantena le famiglie possono scoprire nei negozi di alimentari con la precisa vitamina D per 100 g.

Dato che la vitamina D è liposolubile, è presente in particolare negli alimenti grassi.

Olio di fegato di merluzzo

Tra i cibi ricchi di vitamina D scopriamo l'olio di fegato di merluzzo. Questo olio è prodotto precisamente dal fegato di merluzzo, che è raffinato per essere assunto come integratore alimentare. L'olio di fegato di merluzzo è estremamente calorico e contiene un alto contenuto di vitamine liposolubili, iodio e acidi grassi necessari.

Grifola frondosa
La Grifola frondosa è un fungo chiamato anche maitake. È originario del Giappone, dove viene utilizzato sia come alimento sia come rimedio per aumentare la vitalità e stimolare il sistema immunitario. Esso cresce soprattutto ai piedi di querce e faggi. Questo fungo ha un ottimo contenuto di vitamina D.

Carpa
La carpa è un pesce d'acqua dolce appartenente alla famiglia dei Ciprinidi. Esso è un pesce di media grandezza che però può raggiungere anche un city di lunghezza e un peso di 40 kg. Si riconosce per la sua bocca, caratterizzata da labbra voluminose che presentano 4 barbigli. La carne di questo pesce è molto digeribile e nutriente. Il suo contenuto in vitamina D è notevole: 24,7 µg ogni 100 gr.

Salmone affumicato
Il salmone è un pesce tipico dei mari temperati e freddi del Nord Atlantico. Quello affumicato subisce appunto un processo di affumicatura. Il salmone è ricco di proteine, di vitamine liposolubili (tra cui la vitamina D) e di omega 3, aumentando i livelli di colesterolo buono.

Sgombro
Lo sgombro è un pesce appartenente alla categoria del pesce azzurro, ricco di omega 3, con attività antinfiammatoria e riduttiva sul colesterolo cattivo e ricco di vitamina D. Esso si può trovare fresco, surgelato o in scatola.

Pesce spada
Tra i cibi con vitamina D troviamo anche il pesce spada. Com' è noto, si tratta di un pesce di taglia grande e piuttosto magro, ricco di proteine advertisement alto valore biologico e di acidi grassi polinsaturi. Tuttavia, come tutti i pesci grandi, le take legal action against carni sono ricche di metalli pesanti come il mercurio, quindi è consigliabile non consumarlo troppo spesso.

Tonno sott' olio.
Il tonno sott' olio apporta più vitamina D in quanto è presente l'olio che ne favorisce l'assorbimento. Esso è ricco anche di proteine nobili e di grassi. È consigliabile assumere quello in olio extravergine d'oliva, per beneficiare anche della proprietà di mission' ultimo.

Tuorlo d'uovo
Rispetto all' uovo intero, il tuorlo d'uovo presenta una quantità maggiore di vitamina D perchè più ricco di grassi. Esso apporta anche una buona quantità di ferro e di vitamina B12.

Gallinacci o finferli
I gallinacci sono dei funghi anche chiamati finferli, poveri di calorie e grassi. Hanno colore giallo e presentano una buona quantità di vitamina D, potassio e vitamine del gruppo B. Si possono trovare dall' estate fino a tutto l'autunno.

Spugnola
Spugnole è il nome volgare che si da ai funghi morchelle, velenosi da crudi quindi da consumarsi solo previa cottura. Si trovano in primavera e sono funghi poveri di calorie ma ricche di sali minerali e anche questi sono alimenti advertisement alto contenuto di vitamina D.

La Vitamina D è collegata all'osteoporosi. Fai prevenzione con i consigli di questo pratico ebook ►

Studi scientifici

Vitamins—dietary intake and intake from dietary supplements in Germany - The British Medical Journal (Isao Muraki, Fumiaki Imamura, JoAnn E Manson, Frank B Hu, Walter C Willett, Rob M van Dam, Qi Sun)

loading...

Leggi anche