Scritto da Simona Vignali Pubblicato il

cuore ricerca albertay university mini cuore artificiale simona vignali naturopata

Un passo avanti per evitare l'uso di cavie nella ricerca.

Gli animalisti saranno felicissimi alla lettura di questa notizia. In Spagna, a un congresso mondiale scientifico di biotecnologie, presso Valencia, Nikolai Zhelev, team leader di un gruppo di ricercatori della Abertay University di Dundee, università scozzese, ha presentato i risultati del loro lavoro.

L'obiettivo è trovare farmaci per combattere la miocardia ipertrofica che provoca l'ispessimento del tessuto muscolare del cuore o miocardio. Al momento è considerata incurabile, anche per la difficoltà di sperimentare la ricerca dei farmaci su organismi viventi. Questa malattia impedisce al cuore di battere e pompare il sangue.

I ricercatori, ha dichiarato Nikolai Zhelev, sono riusciti a far nascere delle sfere di un millimetro di diametro partendo da delle cellule staminali. Si tratta di vere cellule cardiache umane che battono ogni due secondi e fisiologicamente perfettamente uguali, così ha dichiarato Nikolai intervistato dalla BBC online. Sono contenute all'interno di contenitori di vetro chiamate Piastre di Petri.

Gli scienziati hanno reso queste cellule-cuore ipertrofiche per iniziare a sperimentare dei farmaci. Il primo risultato è stato che un farmaco anticancro sembra avere risultati inibenti l'ipertrofia del miocardio. Le ricerche proseguoni grazie al fatto che sulle celluline cardiache possono essere sperimentati senza rischio alcuno migliaia di rimedi.

Il prof. Jim Brown dell’Università di Edimburgo, a cui si deve parte dell'esperimento afferma in una intervista che: “Con la creazione di modelli e animazioni interattive che visualizzano la crescita cellulare, siamo in grado di simulare cosa accadrebbe se diverse dosi e combinazioni di farmaci vengono applicate alle cellule cancerose, e di prevedere in che modo influenzerà la crescita delle cellule” (fonte: BBC) . Con l'approvazione degli animalisti di tutto il mondo.

Richiedi una consulenza su questo argomento, con un click!

Titolo