Scritto da

L'alga kombu o kelp

L'alga kombu o kelp proviene dal Giappone ed è usata nella cucina vegetariana e vegana perchè ha proprietà depurative, disintossicanti e drenanti. Per questo, è utile anche in caso di cellulite. Infatti, favorisce l’eliminazione delle tossine attraverso l’intestino. E’ un ottimo rimedio contro la colite. Inoltre è un rimedio naturale contro la fermentazione dei cibi in pancia! 

alghe alga kombu veg vegan simona vignali esperta alimentazioneKombu, un’alga lunga diversi metri

L’alga kombu (Laminaria japonica) appartiene alle alghe marine brune, ha lunghe foglie (1-3 metri) ed essiccata si presenta in strisce nere e spesse. Il nome kelp si riferisce alle alghe brune appartenenti al genere Fucus e Laminaria. L’alga Kombu proviene dal Giappone. In antichità è stata usata anche lungo le coste atlantiche britanniche, con varie denominazioni (wrack, tangle, oarweed). In Estremo Oriente, viene consumata regolarmente nell’alimentazione quotidiana.

Kelp, kombu a favore della dieta dimagrante

L’alga kombu o kelp è particolarmente ricca di sali minerali, tra cui ferro, calcio, potassio, magnesio e soprattutto iodio. Contiene acido alginico (sostanza collosa simile alla pectina), acido glutammico (aromatizzante) e laminarina (sostanza che riduce i grassi nel sangue). L’alga kombu contiene due zuccheri semplici (glucosio e mannitolo), che gli conferiscono un caratteristico sapore dolciastro. L’alga kelp o kombu è molto utile per riattivare il metabolismo, riequilibrandolo, per questo motivo è consigliata per persone in sovrappeso.

L’alga utile contro la cellulite

Inoltre, ha proprietà depurative, disintossicanti e drenanti. Per questo, è utile anche in caso di cellulite. Infatti, favorisce l’eliminazione delle tossine attraverso l’intestino. E’ un ottimo rimedio contro la colite. Idratata con acqua dà sazietà e ha proprietà lassative. Favorisce la circolazione sanguigna e regola la pressione arteriosa. La kombu ha virtù emollienti e toniche,viene raccomandata anche in casi di sclerosi, artrite, negli squilibri della tiroide, nelle malattie polmonari, nonché nella prevenzione di patologie degenerative.

Attenzione al dosaggio delle alghe

Attenzione a non esagerare però. La kombu ad alti dosaggi può causare tachicardia, insonnia, ipertensione e disfunzioni alla tiroide. Consigliata in menopausa per il suo potere mineralizzante, è invece sconsigliata in gravidanza e durante l’allattamento.

L’alga kombu contro la pancia gonfia

L’alga kombu (kelp) viene venduta secca in varie forme: strisce, fiocchi, polvere e compresse (queste ultime usate come integratori). È molto utile per facilitare la cottura e ammorbidire legumi, cereali e castagne. Un pezzetto di alga kombu va aggiunto, prima nell’acqua di ammollo. Un altro pezzetto va poi messo anche nell’acqua di cottura di legumi secchi (fagioli, lenticchie, piselli, ceci etc.). Cotta con i legumi, infatti, ne esalta il sapore e le proprietà nutritive, li rende più digeribili e impedisce che fermentino, contrastando la formazione dell’aria nell’intestino.

L’alga kombu in cucina

La kombu (kelp) in fiocchi o in polvere può essere aggiunta per insaporire minestre e zuppe o anche altre pietanze, come verdure stufate, conferendo un sapore dolciastro. Messa in ammollo e poi cotta un pochino in acqua, può essere utilizzata anche per preparare delicati brodi vegetali. Il brodo fatto con alga kombu è alla base di molti piatti giapponesi. Questa alga essiccata può anche essere sgranocchiata come spuntino.

Richiedi una consulenza su questo argomento, con un click!

Titolo